Italiano

CAMBIO DI RESIDENZA IN TEMPO REALE

L'art. 5 del D.L. 9 febbraio 2012, n. 5, convertito in legge 4 aprile 2012, n. 35. introduce nuove disposizioni in materia anagrafica, riguardanti le modalità con le quali effettuare le dichiarazioni anagrafiche: ISCRIZIONE ANAGRAFICA CON PROVENIENZA DA ALTRO COMUNE E DALL'ESTERO, CAMBIO DI ABITAZIONE ALL'INTERNO DEL COMUNE, EMIGRAZIONE ALL'ESTERO, nonchè il procedimento di registrazione e di controllo successivo delle dichiarazioni rese.

Dal 9 maggio 2012 i cittadini possono presentare le dichiarazioni anagrafiche redatte su modulistica ministeriale:

1. personalmente presso l'Ufficio Anagrafe di piazza Chiesa n. 3 durante i seguenti orari:

    dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 12:45

    lunedì dalle ore 15:45 alle 19:30

    giovedì dalle ore 15:45 alle ore 17:45

2. per raccomandata indirizzata a: Comune di Pradamano - Ufficio Anagrafe - Piazza Chiesa n. 3 - 33040 PRADAMANO (UD)

3. per fax al numero 0432-670002

4. per via telematica all'indirizzo comune.pradamano@certgov.fvg.it
L'inoltro per via telematica è consentita ad una delle seguenti condizioni:

a) che la dichiarazione sia sottoscritta con firma digitale;

b) che l'autore sia identificato dal sistema informatico con l'uso della carta d'identità elettronica, della carta nazionale dei servizi, o comunque con strumenti che consentano l'individuazione del soggetto che effettua la    

    dichiarazione;

c) che la dichiarazione sia trasmessa attraverso la casella di posta elettronica certificata del dichiarante;

d) che la copia della dichiarazione recante la firma autografa e la copia del documento d'identità del dichiarante siano acquisite mediante scanner e trasmesse tramite posta elettronica semplice.

PROSEGUIO DELL'ITER

A seguito della dichiarazione resa, l'Ufficio Anagrafe procederà immediatamente, e comunque entro i 2 (due) giorni (lavorativi) successivi, a registrare le conseguenti variazioni, con decorrenza dalla data della dichiarazione medesima.

Provvederà, altresì, ad accertare la sussitenza dei requisiti previsti per l'iscrizione (o la registrazione) stessa e se, trascorsi 45 giorni dalla dichiarazione resa o inviata senza che sia stata effettuata la comunicazione dei requisiti mancanti, l'iscrizione (o la registrazione) si intende confermata.

Dal momento della registrazione (entro i 2 giorni lavorativi successivi), si potranno ottenere certificati di residenza e stato di famiglia; solo dopo la cancellazione dal comune di precedente iscrizione anagrafica, in caso di iscrizione per "immigrazione", si potranno ottenere tutti gli altri certificati anagrafici.

CONSEGUENZE IN CASO DI DICHIARAZIONI MENDACI

In caso di dichiarazioni non corrispondenti al vero si applicano gli artt. 75 e 76 del D.P.R. n. 445/2000, i quali dispongono rispettivamente la decadenza dai benefici acquisiti per effetto della dichiarazione, nonchè il rilievo penale della dichiarazione mendace. 

Qualora emergano delle discordanze tra le dichiarazioni rese dagli interessati e gli esiti degli accertamenti esperiti, sarà data informativa alla competente autorità di pubblica sicurezza.  

Inoltre la norma prescive, in caso di non rispondenza allo stato di fatto, il ripristino delle registrazioni anagrafiche antecedenti alla data della dichiarazione resa.

AVVERTENZE IMPORTANTI

Nel caso di presentazione di dichiarazione di residenza con provenienza da altro comune e dall'estero o di cambiamento di abitazione all'interno del comune, tramite raccomandata, o fax o per via telematica, è opportuno prima verificare, presso l'ufficio anagrafe, l'esatto numero civico dell'abitazione in cui l'interessato si trasferisce.

 

 

 

DICHIARAZIONE DI RESIDENZA E OCCUPAZIONE NON ABUSIVA DELL’IMMOBILE

 

Il decreto legge 28 marzo 2014, n. 47 convertito, con modificazioni, nella legge 23 maggio 2014, n. 80 dispone che ”Chiunque occupa abusivamente un immobile senza titolo non può chiedere la residenza né l’allacciamento a pubblici servizi in relazione all’immobile medesimo e che gli atti emessi in violazione di tale divieto sono nulli a tutti gli effetti di legge. A decorrere dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, gli atti aventi ad oggetto l’allacciamento dei servizi di energia elettrica, di gas, di servizi idrici e della telefonia fissa, nella forma della stipulazione , della volturazione, del rinnovo, sono nulli e pertanto non possono essere stipulati o comunque adottati, qualora non riportino i dati indentificativi del richiedente e il titolo che attesti la proprietà, il regolare possesso o la regolare detenzione dell’unità immobiliare in favore della quale si richiede l’allacciamento. Al fine di consentire ai soggetti somministranti la verifica dei dati dell’utente e il loro inserimento negli atti indicati nel periodo precedente, i richiedenti sono tenuti a consegnare ai soggetti somministranti idonea documentazione relativa al titolo di che attesti la proprietà, il regolare possesso o la regolare detenzione dell’unità immobiliare, in originale o copia autentica, o a rilasciare la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà ai sensi dell’art. 47 del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445”.

 

Le persone interessate a chiedere la residenza nel Comune di PRADAMANO devono pertanto essere consapevoli che l’occupazione abusiva dell’immobile nel quale si chiede la residenza rende la stessa residenza nulla a tutti gli effetti di legge.

 

 

Attenzione: la dimostrazione o, comunque, la dichiarazione sostitutiva di atto notorio della non abusiva occupazione dell’immobile, conformemente alla lettera della legge e ai principi di economicità e di non aggravamento del procedimento (art. 1, commi 1° e 2° L. 7 agosto 1990, n. 241), deve essere resa dagli interessati ai soggetti somministranti i servizi di energia elettrica, di gas, di servizi idrici e della telefonia fissa.